Scoperte due super terre a soli 21 anni luce grazie al telescopio italiano Galileo

Michaël Gillon colpisce ancora. L’astronomo belga alla guida del team che il mese scorso ha scoperto “i sette pianeti” firma ora, insieme a numerosi astronomi dell’Inaf, un altro ritrovamento: due pianetoni rocciosi a 21 anni luce da noi. I più vicini che si conoscano fra quelli che transitano davanti alla loro stella madre

» Read more

Un’altra Terra è davvero possibile.Il più promettente “gemello” del nostro pianeta

Ha un diametro un po’ più grande di quello terrestre e si trova ad orbitare a una stella straordinariamente simile al Sole. Per completare il quadro, la distanza tra pianeta e stella madre è la stessa di quella che separa la Terra dal Sole. Il pianeta, scoperto dalla missione Kepler della NASA, si trova dunque in zona abitabile. Il commento […]

» Read more

Alla ricerca dei viaggiatori nel tempo sul web

Alcuni ricercatori della Michigan Technological University hanno deciso di cercare le prove dell’esistenza dei viaggiatori del tempo sui social network. La strategia proposta si basa sul principio della preveggenza: chi proviene dal futuro conosce già gli eventi prima che accadano. Quali sono stati i risultati della loro ricerca? L’articolo presentato all’American Astronomical Society meeting del 6 gennaio a Washington e […]

» Read more

Dopo la fine di Kepler: la caccia agli esopianeti continua,arriva Gaia

In un articolo su La Stampa, che pubblichiamo in contemporanea, il presidente dell’INAF Giovanni Bignami sottolinea come la fine della missione Kepler non rappresenti la fine della caccia agli esopianeti, come ipotizzato da qualche quotidiano, ma semplicemente un passaggio verso un futuro assai più ricco di scoperte, grazie anche a missioni come GAIA, prossima al lancio. È morto il re, […]

» Read more