Nuove prove potrebbero finalmente spiegare la misteriosa “Stonehenge” Amazzonica

Più di 450 grandi punti di riferimento sono stati scoperti nel nord del Brasile, rivelando le ultime vestigia di uso del suolo delle società antiche, prima che la fitta giungla amazzonica li ha nascosti per secoli.

Per il momento, non si sa esattamente per cosa sono stati utilizzati i misteriosi siti.

Tuttavia, un nuovo studio suggerisce che le”Stonehenge” in Amazzonia sono la prova che le società indigene di solito hanno cambiato il paesaggio per centinaia di anni prima dell’arrivo degli europei nel continente americano.

I nativi e la foresta

Luoghi di interesse, chiamati geoglifi, che coprono circa 13.000 chilometri quadrati e cominciarono ad apparire in 80 Acre aree forestali statali sono stati liquidate per scopi agricoli.

“Il fatto che questi siti sono stati nascosti per secoli sotto foresta matura sfida molto l’idea che le foreste amazzoniche sono ecosistemi incontaminati”, ha detto l’archeologo Jennifer Watling dell’Università di San Paolo.

Watling e il suo team hanno analizzato campioni di terreno prelevati da due siti al fine di ricostruire circa 6.000 anni di storia della foresta intorno ai punti di riferimento.

Analizzando fossili microscopici di piante chiamati fitoliti nel terreno, gli scienziati sono stati in grado di stimare l’estensione storica della vecchia vegetazione. Già i livelli di carbone indicano la deforestazione storica attraverso la combustione della foresta.

I primi cambiamenti del paesaggio

I campioni hanno mostrato che la foresta è stata dominata da bambù per almeno 6000 anni. Le letture del Carbone hanno rivelato che gli esseri umani si sono spostati nella zona circa 4.000 anni fa – a quel punto, le palme cominciarono ad apparire in numero maggiore.

Il picco di foresta in fiamme per bonificare il terreno si è verificato tra circa i 2.300 e 1.400 anni fa – un tempo in cui sono state effettuate le prime opere in terra. Trincee sembrano essere state scavate in tempi diversi tra i secoli I e XV, con fossati di 11 metri di larghezza e 4 metri di profondità.

Anche se la forma e la portata di questi siti erano già stati determinati dalle osservazioni aeree, i ricercatori non hanno mai capito lo scopo originario di queste pietre miliari.

Stonehenge Amazzonica 

E ‘improbabile che ci sono stati villaggi, dal momento che lo scavo non presenta significative quantità di manufatti culturali. Il layout suggerisce anche che i siti non sono stati costruiti per ragioni difensive.

Invece, analisi del suolo suggeriscono che le aree sono state utilizzate per  rituali di qualche tipo, e potrebbero essere stati sporadicamente visitata da società del tempo.

“E ‘interessante notare che il formato dei geoglifi, con un fossato esterno e la parete interna della copertura, sono classicamente siti rituali come Stonehenge”, ha detto Watling.

Non commettere errori: gli indiani non disboscano l’Amazzonia

Mentre gli antichi abitanti della foresta che hanno scavato i fossati potrebbero aver usato il fuoco per cancellare le foreste, i ricercatori suggeriscono che essi non hanno bruciato allegramente ampi tratti di vegetazione – ma in modo selettivo eliminato piccoli appezzamenti di terreno.

Lo scopo era probabilmente quello di creare spazi e mercati comuni dove sono stati scambiate colture pregiate come le palme, e altri prodotti resi dalla foresta.

“Nonostante il numero dei geoglifi e l’enorme densità nella regione, possiamo essere sicuri che le foreste di San Giovanni d’Acri non sono mai state così ampiamente devastate, o per tutto il tempo come lo erano negli ultimi anni”, ha detto Watling in un comunicato stampa.

I ricercatori ritengono che questi mercati erano temporanei, con l’erba e gli alberi che recuperavano rapidamente le sezioni bruciate di foresta pluviale dal momento che le persone si spostavano.

Dobbiamo imparare da loro

Se l’ipotesi è corretta, è in netto contrasto con la deforestazione dilagante e dannoso che si è verificato in Amazzonia negli ultimi tempi – quasi il 20% della foresta brasiliana è scomparsa in poco più di quattro decenni.

Anche se i risultati suggeriscono che la deforestazione in Amazzonia è qualcosa che gli esseri umani hanno fatto per millenni, mostrano anche che la modifica di spazi verdi per il guadagno umano non deve essere un processo dannoso o permanente, se fatto con attenzione.

In questo senso, i ricercatori sperano che il loro studio servirà come un esempio per gestirla al meglio e prendersi cura della foresta pluviale di oggi.

“La nostra prova che le foreste amazzoniche sono state gestite dalle popolazioni indigene molto tempo prima del contatto europea non dovrebbe essere citato come giustificazione per l’uso  distruttivo e insostenibile della terra praticato oggi. Serve a mettere in evidenza l’ingegno dei regimi di sussistenza del passato che non hanno portato al degrado forestale e l’importanza della conoscenza indigena di trovare alternative più sostenibili dell’uso del territorio “, ha riassunto il ricercatore. [ ScienceAlert ]

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo e iscriviti alle nostre pagine Facebook “ Pianeta blu  e Beautiful exotic planet earth” ed al nostro profilo su twitter

Per l’iscrizione:passa il mouse sul tasto ti piace,aspetta due secondi si aprirà un finestrella.

Clicca sul tasto “Mi piace” e poi su “ricevi notifiche” per seguirci costantemente.

Pianetablunews lo trovi anche su google plus

Segui anche il nostro blog tramite email per non perdere altri articoli, curiosità e consigli!!

Ti è piaciuto l’articolo? condividilo anche tu sui social, clicca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *